La sindrome di Old Hag, di cosa si tratta, credenze e realtà?

Viene definita in maniera spicciola “Old Hag”, ti svegli incapace di muoverti, a malapena in grado di respirare e senti come un peso opprimente sul petto.

Hai mai avuto un’esperienza simile? L’esempio fatto sopra è un classico esempio di quella che è diventata nota come la sindrome della “vecchia strega”  (Old Hag). Le persone si svegliano scoprendo che non possono muoversi, anche se possono vedere, sentire e annusare.

A volte c’è la sensazione di un grande peso sul petto e la sensazione che ci sia una presenza sinistra o cattiva nella stanza.

Il nome del fenomeno deriva dalla credenza superstiziosa che una strega, in generale una donna anziana, siede sul torace delle vittime, rendendole immobili. Sebbene questa spiegazione non sia presa molto seriamente al giorno d’oggi, la natura sconcertante e spesso molto spaventosa del fenomeno porta molte persone a credere che ci siano forze soprannaturali come fantasmi o demoni.

L’esperienza è così spaventosa perché le vittime, sebbene paralizzate , sembrano sfruttare appieno i loro sensi. In realtà, è spesso accompagnato da strani odori, il suono di passi che si avvicinano, apparizioni di strane ombre o occhi luminosi ma principalmente un peso opprimente sul petto, che rende la respirazione difficile se non impossibile.

Di fronte a un’esperienza così bizzarra e irrazionale, non sorprende che molte vittime temano di essere state attaccate nei loro letti da qualche spirito malvagio.

Il fenomeno si verifica sia negli uomini che nelle donne di varie età e sembra accadere a circa il 15 percento della popolazione almeno una volta nella vita. Può verificarsi mentre la vittima dorme durante il giorno o la notte ed è un fenomeno mondiale documentato fin dall’antichità.

Nel II secolo, il medico greco Galeno lo attribuì all’indigestione“, secondo l’Enciclopedia di fantasmi e spiriti di Rosemary Ellen Guiley. “Alcuni individui subiscono attacchi ripetuti per un periodo di tempo limitato; altri hanno ripetuti attacchi per anni“.

C’è una spiegazione razionale per queste esperienze bizzarre?

La spiegazione scientifica
L’establishment medico è abbastanza consapevole di questo fenomeno, ma ha un nome meno sensazionale della “sindrome della vecchia strega” viene infatti chiamano “paralisi del sonno” o SP (a volte ISP per “paralisi del sonno isolata“).

Quindi cosa lo provoca? Il dott. Max Hirshkowitz, direttore del Sleep Disorders Center presso il Veterans Administration Medical Center di Houston, afferma che la paralisi del sonno si verifica quando il cervello è nello stato di transizione tra il sonno profondo e sognante (noto come sonno REM per il suo rapido movimento oculare) e l’essere svegli. Durante la fase del sonno REM il cervello ha disattivato la maggior parte delle funzioni muscolari del corpo, quindi non possiamo mettere in atto i nostri sogni – siamo temporaneamente paralizzati.

A volte il tuo cervello non disattiva completamente quei sogni e resta la fase di paralisi quando ti svegli“, ha detto Hirshkowitz alla ABC News. “Ciò spiegherebbe la sensazione di congelamento e le allucinazioni associate alla paralisi del sonno.” Secondo le sue ricerche, l’effetto dura davvero da pochi secondi a un minuto, ma in questo stato di mezzo sogno mezzo sveglio, alla vittima può sembrare molto più lungo.

Nel suo articolo, “Aiuto! Non posso muovermi!”, Scrive il cardinale Florence: “La paralisi del sonno è spesso accompagnata da vivide allucinazioni . Potrebbe esserci la sensazione che qualcuno sia nella stanza o addirittura che ti passi sopra. Altre volte, sembra che ci sia una pressione sul petto, come se qualcuno o qualcosa fosse appollaiato lì. Il suono di passi, porte che si aprono e si chiudono, voci, tutto può essere una parte molto spaventosa della paralisi del sonno Queste sono conosciute come esperienze ipnagogiche e ipnopompiche“.

Per tutte le loro spiegazioni, tuttavia, gli esperti del sonno non sanno ancora che cosa fa sì che il cervello si comporti in questo modo o perché alcune persone lo sperimentino più di altri. Ma ci sono alcune teorie:

Gli episodi di paralisi possono verificarsi quando il corpo si trova in qualsiasi posizione, ma si verificano più frequentemente quando il dormiente è disteso sulla schiena. È comune la paura intensa, ma a volte sono presenti altre emozioni forti, come la tristezza o la rabbia“.

Per alcuni, la paralisi del sonno è spesso causata dal non dormire abbastanza o essere particolarmente stanchi. Allo stesso modo, il sonno spesso interrotto o disturbi del ritmo circadiano possono produrre un episodio di paralisi del sonno.

È più comune nelle persone che soffrono di grave ansia o disturbo bipolare. Alcune ricerche mostrano che la paralisi del sonno ha una probabilità cinque volte maggiore di verificarsi con persone che assumono tali farmaci anti-ansia come Xamax o Valium.

Uno studio ha scoperto che il 35 percento dei soggetti con paralisi del sonno isolata riferisce anche una storia di attacchi di panico di veglia non correlati all’esperienza della paralisi.

foto@Wikipedia

Loading...
Potrebbero interessarti

Interstizio, nel corpo umano c’è un organo in più

Fin dalle scuole elementari ci hanno insegnato che il nostro corpo è…

La migliore salsa al mondo? Contiene 3 ingredienti

La migliore salsa al mondo per la pasta? Contiene in realtà solo…