Londra, clinica rivela per sbaglio i nomi di 780 pazienti sieropositivi

Londra, Gran Bretagna. Una clinica ha diffuso per errore una newsletter con i risultati del test Hiv di ben 780 pazienti, assieme ai loro dati sensibili. La clinica in questione è la 56 Dean Street, specializzata in queste analisi.

“L’email contiene nomi di persone che non avevano mai dichiarato il loro stato di sieropositivi, è un fatto gravissimo” ha commentato Elliot Herman, 38 anni, da Londra, anche perché è molto semplice con “Facebook e internet risalire all’identità completa delle persone, scoprire il loro profilo, dettagli personali. Se il mio nome fosse stato su quella lista sarei stato molto arrabbiato”.

I destinatari della newsletter sono tutti quelli che hanno aderito al servizio che consente di ricevere risultati dei test e prenotare appuntamenti via mail.

La clinica si è subito scusata tramite la dirigenza che ha dichiarato: “Si è trattato di un errore umano. Chiaramente tutto questo è completamente inaccettabile. Stiamo indagando e faremo in modo che tutto questo non succeda più”.

Nel 2011 la clinica aveva raggiunto il record mondiale del più alto numero di test per l’Hiv effettuati in un solo giorno, in una vicina e nota discoteca gay, adesso, secondo il Guardian, si sono aggiudicati anche il record dell’incidente più grave nella storia della sanità pubblica.

Sono in corso indagini da parte delle autorità competenti per appurare estremi di violazione della privacy e non sono escluse multe salate.

Potrebbero interessarti

Continua il drammatico calo delle vaccinazioni in Italia

Quella che all’inizio era un problema serio ora si sta rivelando una…

Uomo di 36 anni dona midollo osseo ad un bambino di 8 anni

Grazie alla generosità di un trentaseienne di Pescara adesso un bambino di…

Glaucoma, una persona su due non sa di soffrirne

Il glaucoma è una malattia oculare correlata generalmente a una pressione dell’occhio…

Zucchero ecco il nuovo disinfettate per il nostro corpo

Il “grasso” era considerato un problema importantissimo negli ultimi decenni, ma lo…