Marco Carta, partito ufficialmente il suo processo
Marco Carta partito ufficialmente il suo processo

Si può passare dall’alzare la palma di vincitore del Festival di Sanremo al rubare magliette in un noto centro commerciale milanese?

Se tutto è possibile, sarà comunque il tribunale a stabilire se Marco Carta sarà effettivamente condannato per furto: proprio ieri è infatti iniziato il processo a suo carico, con rito abbreviato come da lui stesso richiesto.

Il processo abbreviato sarà condizionato all’acquisizione delle immagini delle telecamere di sorveglianza del grande magazzino.

La difesa del cantante sardo è convinta che le immagini delle telecamere e le nuove testimonianze raccolte dalla Procura dimostrino l’estraneità al furto del loro assistito, imputato con una sua amica.

Gli avvocati hanno detto che il loro assistito era “agitato perché non ha mai visto un’aula di un tribunale in vita sua anche se è sicuro della sua innocenza. Carta ha fretta comprensibilmente, sta male, si sente mortificato da determinati termini, ma siamo fiduciosi”.

Le «immagini» delle telecamere dello storico grande magazzino del lusso, aggiungono gli avvocati, provano «la sua innocenza». «È presumibile che la sentenza arrivi oggi», hanno detto i difensori prima dell’udienza, anche se dipenderà dalla «organizzazione» dell’udienza da parte del giudice.

L’amica del cantante, Fabiana Muscas, 53 anni, ha chiesto invece di essere ammessa all’istituto della messa alla prova, ovvero di potere svolgere lavori di pubblica utilità in un’associazione che si occupa di donne vittime della tratta della prostituzione a Cagliari.
Il giudice ha però disposto un rinvio al 17 dicembre.

Loading...
Potrebbero interessarti

Madonna: il produttore di Vogue vuole mezzo milione di dollari

Circa mezzo milione di dollari, questa la cifra richiesta dal produttore della…

Roberto Benigni ha diffidato Report dal raccontare i suoi affari

Innegabilmente è un grandissimo regista ed attore, e ha contribuito a fare…