Mattarella: no ai muri per gli immigrati

Eleonora Gitto

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella dice sì al dialogo e no ai muri contro chi fugge dalla guerra.

Queste le parole in occasione del convegno: “La pace è sempre possibile, religioni e culture a dialogo”.

Per il Presidente venti di guerra si agitano in tante parti del mondo, generando violenza, morte e paura.

L’interconnessione planetaria ci obbliga d aprire gli occhi su terribili conflitti e nuove forme di sopraffazione. Nessuno, in tempi di globalizzazione, può chiamarsi fuori o sentirsi al sicuro.

Per il Presidente le religioni possono dare un contributo importante per alzare lo sguardo, per mobilitare le coscienze, per vincere l’indifferenza.

E sarebbe ora, visto che fino ad ora, storicamente parlando, la gran parte delle religioni, compresa quella cattolica e quella islamica, non hanno fato altro che fomentare guerre, conflitti, stragi, distruzioni e incomprensioni nei e fra i popoli.

L’auspicio è che quindi le parole del Presidente della Repubblica si rivelino profetiche.

Bisognerebbe che le religioni mettessero da parte le proprie pretese di unicità confrontandosi seriamente, e riconoscendo dignità e valore a posizioni come quelle atee, agnostiche e più genericamente laiche, che in fin dei conti non hanno mai avuto responsabilità storiche criminali come hanno avuto certe religioni.

Next Post

Inghilterra, contro l’Isis un raid aereo

L’Inghilterra probabilmente deciderà per un raid aereo contro l’Isis in Siria. Questa è la posizione del premier Cameron, il quale ha deciso di sottoporre la decisione definitiva al parlamento inglese. E probabilmente la decisione sarà approvata non solo dalla maggioranza di governo. Si tratta di lanciare una vera e propria […]
Inghilterra, contro l’Isis un raid aereo