Pagani, malato psichico uccide la madre

Se è vero che la chiusura dei manicomi è stata una delle leggi migliori del secolo scorso, è altrettanto indubbio che spesso non si dà abbastanza assistenza ai malati psichici, che vengono lasciati alle cure esclusivamente delle famiglie, che altrettanto spesso non hanno gli strumenti adatti per controllare i loro istinti.

Il risultato di ciò è l’omicidio, cruento e immotivato, avvenuto nella mattinata di ieri a Pagani, paese in provincia di Salerno: Aniello Giordano, 52 anni, è affetto da patologie psichiatriche, ha ucciso la madre, 85enne, al termine di una lite.

La donna viveva con il figlio in via Striano, in un vicoletto nel centro di Pagani: aveva anche altri due figli che vivono però per conto proprio.

La dinamica dei fatti non è ancora chiara, ma sembra che, dopo una lite per motivi banali, Giordano abbia afferrato un oggetto appuntito, probabilmente il piede di un letto, e abbia colpito a madre fino a trucidarla.

La donna è morta all’istante mentre l’omicida è stato rintracciato mentre vagava per la strada, in stato confusionale. L’uomo era in cura al Cim, il Centro di igiene mentale.

Next Post

Berlusconi, nuova alleanza con la Lega per sconfiggere la sinistra

Seppur inesistenti, nella realtà dei fatti, destra e sinistra in campo politico sono ancora due schieramenti che si combattono, è il gioco delle parti, quelle parti che da molto tempo, ormai, non sembrano occuparsi più del bene del cittadino. Alle soglia degli 80 anni, lungi dal pensare di abbandonare la […]