Repubblicana si dimette dopo le critiche alle figlie di Obama: “Annoiate e mal vestite”

Negli Stati Uniti è scoppiato un vero polverone dopo le parole di Elizabeth Lauten, blogger repubblicana e portavoce di un deputato del Tennessee, che ha attaccato le figlie del presidente Barak Obama. Durante la festa del Ringraziamento Sasha e Malia, rispettivamente di 13 e 16 anni, si sono presentate con abiti piuttosto semplici ed un’aria un po’ svagata.

Un atteggiamento che non è piaciuto alla donna, la quale senza mezza misure su Facebook ha commentato al vetriolo l’atteggiamento delle due adolescenti: “Provate a comportarvi con un po’ di classe, visto che quello al quale partecipate è un evento pubblico alla Casa Bianca. Mostrate rispetto, non roteate gli occhi con aria insofferente, non presentatevi vestite come se andaste al bar”.

Si è scatenato il pandemonio. Sia democratici che repubblicani hanno immediatamente censurato le parole dell’improvvida blogger, la quale evidentemente non conosce la legge non scritta negli Stati Uniti che i figli del presidente non si toccano. Il parlamentare repubblicano Joe Walsh senza mezzi termini ha messo a tacere la donna: “Non ci deve importare cosa indossino o come si comportino le figlie di Barack Obama. Quello è affare dei genitori, non nostro. Avrebbe dovuto tenere il becco chiuso”.

Insomma anche i più acerrimi nemici del presidente Obama hanno condannato le parole della donna, la quale dopo aver dato le sue dimissioni si scusa: “Ho giudicato le due ragazze in un modo in cui non avrei mai voluta essere stata giudicata io alla loro età. Dopo molte ore di preghiera e di confronto con i miei genitori, ho capito quanto le mie parole fossero state offensive”.

 

 

Loading...
Potrebbero interessarti

BigFoot: L’urlo della creatura sul web, divide gli utenti

L’utente di YouTuber Preston Riley ha condiviso un video di quello che…

Massaggia i piedi in aereo, piovono critiche sui social

Massaggiare i piedi in aereo? Tutto è possibile in aereo a quanto…