Roma, chiede perdono l’addetto che ha fatto precipitare il bimbo dall’ascensore

Una tragedia che ha sconvolto tutta Italia: un bambino di soli quattro anni nelle scorse ore ha perso la vita precipitando nel vano dell’ascensore della stazione della metro Furio Camillo a Roma, dove era rimasto intrappolato assieme alla madre ed ad altre persone.

Fin dai primi istanti la dinamica era stata chiara: un tragico errore umano, un addetto Ata, non seguendo la procedura, aveva provato a liberare le persone chiuse nell’ascensore, provocando quindi la sfortunata caduta del bimbo.

«Faceva caldo. Troppo caldo. Lì dentro era una sofferenza incredibile e le persone che erano rimaste bloccate nell’ascensore erano già in preda al panico», racconta l’addetto, nel frattempo indagato per omicidio colposo.  «C’era la paura e il non sapere come finirà. In quel momento è difficile pensare. Quando c’è una persona intrappolata in un ascensore, non mi sto a chiedere quali sono le mie mansioni e in che ruolo mi trovo. Non potevo aspettare», continua cercando di motivare il suo errore.

«Si è buttato ai miei piedi in ginocchio. Piangeva a dirotto», ha detto invece  Francesca Giudice, la mamma del bambino. «Urlava “Perdono, perdono“», ha raccontato ancora, ma lei non ce l’ha con lui, straziata dal dolore, non cerca colpevoli a tutti costi.

Subito dopo la tragedia si sono abbracciati per venti minuti senza staccarsi, ha raccontato infine la mamma del piccolo Marco: «Non ce l’ho con lui, non lo denuncio».

1 comment
  1. Le responsabilita’ vanno ricercate in chi avrebbe dovuto assicurare la regolare manutenzione all’ ascensore e vigilare sul suo costante e corretto funzionamento nel tempo. Da quanto sembrerebbe, il malfunzionamento non e’ stato affatto casuale ……. Gli utilizzatori della metro rivelano infatti che un tale problema si era gia’ altre volte verificato. E invece l’ attenzione delle indagini si focalizza su chi con coraggio e tempestivita’ ha cercato solo di intervenire per mettere una pezza alle inadempienze di altri e ha gia’ avuto la solidarieta’ della mamma del povero bambino che non lo ritiene responsabile di nulla !!! Dunque ….. come puo’ un tale soggetto essere inserito nella lista nera ?????? Non ho davvero parole ……. si chiede alla gente di essere sempre piu’ attenta e solidale ai problemi degli altri …….. ma poi non si perde occasione per calpestarla nello Spirito !!! Che vergogna !!!

Comments are closed.

Loading...
Potrebbero interessarti

Quirinale, medaglia d’oro all’ucraino morto per sventare una rapina

Dopo tanti episodi di violenza in cui gli stranieri vengono additati come…

Silvio Berlusconi, tre anni per la compravendita del Senatore De Gregorio

Gli avvocati difensori di Silvio Berlusconi stavolta poco hanno potuto fare, se…