Schettino abbandonò deliberatamente la Concordia con i passeggeri a bordo

Si è difeso fino allo stremo, ha scritto un libro per spiegare le sue ragioni, ma i giudici hanno inchiodato Francesco Schettino alle sue responsabilità: pura codardia ed una scelta premeditata quella di abbandonare la Concordia con a bordo ancora numerosi passeggeri.

Il 13 gennaio 2012 morirono 32 persone e per questo il Comandante Francesco Schettino è stato condannato a 16 anni di reclusione.

“Schettino nel momento in cui saltava sulla scialuppa per abbandonare la nave – si legge nella motivazione della sentenza – era consapevole della pendenza sul lato sinistro della Concordia o comunque che si allontanava in modo definitivo dalla Concordia accettando in tal modo il rischio di lasciare le persone in balia di se stesse”.

“I 32 decessi delle persone a bordo della Concordia non si sarebbero verificati se” l’allora comandante Francesco Schettino “avesse gestito l’emergenza con perizia e diligenza”, attenendosi alla normativa indicata come “doverosa” in una simile situazione, scrivono i giudici.

Viene confermata “l’imperizia” con la quale l’allora comandante della Costa Concordia ha portato la nave a sfiorare l’isola del Giglio peraltro per motivi futili, così come viene confermato che Schettino abbandonò la nave coscientemente e con la chiara intenzione di non risalire mai più.

Loading...
Potrebbero interessarti

Roma, custode 84 enne aggredisce la vicepreside con un forcone

Uno scoppio di violenza improvvisa, ancora inspiegabile, quello che si è verificato…

Siena, rischia il licenziamento il professore che esalta Hitler

La storia ci ha insegnato che uno dei diritti più importanti è…