Unimpresa, produzione industriale drogata dal settore auto

Eleonora Gitto

A far da traino al mercato che in questi mesi ha avuto un’impennata, è la fabbricazione dei mezzi di trasporto, con una crescita straordinaria del 20,1%, tanto che Unimpresa da dichiarato che “la produzione industriale è drogata dal settore auto”.

Per l’Istat la produzione industriale a luglio del 2015 sale dell’1,1% rispetto a giugno.

Nel trimestre maggio-luglio 2015 la produzione industriale è salita invece dello 0,5% nei confronti dei tre mesi precedenti.

I settori produttivi nei quali l’aumento della produzione industriale fa sentire di più i suoi effetti, sono l’energia, i beni di consumo e i beni intermedi.

Sarà pure vero, ma è vero anche che se il settore auto ricomincia a tirare in maniera così consistente, ne beneficia tutto l’indotto.

Né è da negare che ultimamente la risoluzione di molte vertenze riguardanti il settore auto, specialmente in casa Fiat, hanno agito in maniera estremamente positiva nel campo della produzione e della vendita.

A ciò si aggiunga che, dopo anni di crisi, in un momento di lieve ripresa economica, gli Italiani hanno capito che è arrivato il momento di cambiare auto, perché il costo delle riparazioni delle vecchie auto stava superando l’investimento nell’acquisto di un’auto nuova.

Next Post

Roma, in fiamme un capannone sequestrato nell’inchiesta Mafia Capitale

Al momento non sono stati segnalati feriti, e non si sa ancora se sia di origine dolosa: quel che è certo è che un vasto incendio è divampato in un ex centro di prima accoglienza di viale Castrense, nei pressi di piazza San Giovanni a Roma. La struttura era già […]