Yara, processo a Bossetti prosegue l’11 settembre

Non si arresta il processo a Massimo Bossetti, mentre gli avvocati difensori respingono le accuse, la verità per Yara Gambirasio ancora deve venire fuori, ci sono alcuni aggiornamenti oggi, riguardo le prossime udienze del processo.

Una seconda udienza a dir poco movimentata ma i giudici hanno respinto ogni ricorso presentato dalla difesa: il processo a Massimo Bossetti, unico imputato nell’omicidio della 14 enne Yara Gambirasio, va avanti e la prossima udienza ci sarà l’11 settembre, dopo la pausa estiva.

La Corte d’Assise di Bergamo ha respinto tutte le eccezioni preliminari sollevate dagli avvocati difensori del muratore di Mapello, tra cui la richiesta di nullità del capo di imputazione, perché ritenuto troppo vago e indeterminato, e la richiesta di nullità della prova del DNA raccolta dai Ris su Ignoto 1.

Le telecamere saranno ammesse unicamente nel momento della lettura della sentenza. Questo affinché non sia turbata la regolarità del dibattimento che riguarda una vicenda “delicata” e l’audizione come testimoni dei familiari della giovane vittima.

Durante le prossime udienze, durante i dibattimenti, nessuna telecamera o cronista: secondo il Collegio tutto ciò “può creare pregiudizio al regolare svolgimento del processo” soprattutto “in virtù della vicenda umana oggetto del procedimento, la sparizione e uccisione di una minorenne”.

Le date delle successive udienze, dopo quella dell’11 settembre,  sono tutte ravvicinate, per un totale di circa 20 udienze fino al mese di dicembre.

Loading...
Potrebbero interessarti

Grillo inviperito con la regione Abruzzo

La notizia che vi stiamo per raccontare potrebbe sembrare una bufala, una…

Il ddl anticorruzione è legge con pene molto inasprite

Una notizia attesa da molto e molti: finalmente la Camera ha approvato…