Aborto, interruzioni di gravidanza in calo del 5%
Aborto, interruzioni di gravidanza in calo del 5%

Aborto, in calo del 5% le interruzioni volontarie di gravidanza: il totale degli interventi per la prima volta ferma a un numero inferiore a 100 mila.

E’ stata inviata dal Ministero della Salute al Parlamento la Relazione sull’attuazione della legge 194/1978.

Nel rapporto nero su bianco sono annotati i dati definitivi 2013 e quelli preliminari 2014 inerenti alle interruzioni volontarie di gravidanza in Italia.

Si scopre dalla relazione che dal 1982 gli aborti, se ne contavano 234.801 l’anno, si sono più che dimezzati.

Nel Bel Paese 34% delle interruzioni volontarie di gravidanza riguarda donne straniere. In pratica un aborto su tre non riguarda donne nate in Italia.

Scendono anche le richieste di aborto da parte delle minorenni. Per le donne sotto i diciotto anni, infatti, il tasso di abortività passa dal 4,4 per 1000 del 2012 al 4,1.

E questo è uno dei valori più bassi rispetto agli altri paesi occidentali. Rimane invariata, sempre la più bassa a livello internazionale, la percentuale di aborti ripetuti: il 26,8% delle interruzioni di gravidanza è richiesto da donne che hanno già avuto un’esperienza abortiva.

Nei dati, ovviamente, non possono tener conto degli aborti clandestini.

Per il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin: “Il fenomeno dei cosiddetti aborti fai da te rientra in quello più generale degli aborti clandestini, la cui ultima stima risale al 2012. Nella relazione presentata al Parlamento nel mese di ottobre 2014, le stime sugli aborti clandestini eseguiti dall’Istituto superiore di sanità e riferiti al 2012 indicano una stabilizzazione del fenomeno negli ultimi anni, almeno per quanto riguarda le donne italiane”.

“Questi i numeri – continua Lorenzin -: 15mila erano gli aborti clandestini stimati per le italiane nel 2005, tra 12/15 mila casi nel 2012. Una notevole diminuzione, quindi, rispetto agli anni ’80-’90: i casi stimati erano 100mila nel 1983, 72mila nel 1990, 43.500 nel 1995″.

C’è da anche da dire però che se da un lato diminuiscono gli aborti, dall’altro purtroppo aumentano i medici obiettori.

Loading...
Potrebbero interessarti

Dal 4 settembre al via i test di ammissione alle facoltà di medicina

E’ stata resa nota la data per i test di ammissione alle…

Immigrazione, tensioni fuori un centro di accoglienza a Roma

La cronaca nera in questi ultimi giorni sta occupando le prime pagine,…