Beautiful, Il Segreto, Un posto al sole: puntate 8 maggio 2015

Redazione

Che cosa accadrà a Beautiful Il Segreto, Un posto al sole, Terra nostra 2 e Vampire Diaries di oggi 8 maggio 2015? Scopriamolo insieme con le anticipazioni sulle trame giornaliere. Villa Palladini, Puente Viejo e Los Angeles fanno da sfondo a vicende molto intriganti e ricche di emozioni.

TERRA NOSTRA 2 PUNTATA 209 8 MAGGIO 2015 RAI 3 ORE 15:15

Amalia vuole mandare via Nina da José Manoel e, per riuscirvi, decide di dare alla donna dei soldi.

UN POSTO AL SOLE PUNTATA 4245 8 MAGGIO 2015 RAI 3 ORE 20:35

Angela cade in un’incertezza totale: non sa scegliere tra Leonardo e Franco. Manuela, che vede Niko ormai troppo distante, inizia a pensare alla vendetta.

BEAUTIFUL PUNTATA 7002 8 MAGGIO 2015 CANALE 5 ORE 13:40

Ridge e Caroline sono ancora sotto chok dal colpo di testa di Rick che ha sparato contro i due senza pietà. Caroline, però non vuole denunciare il suo quasi ex marito ma ha in mente ben altro: vuole portare via l’azienda a Rick con l’aiuto di Ridge per guidarla insieme. Brooke teme che Maya punti ai soldi e che non ami in realtà Rick e non lo nasconde alla ragazza.

IL SEGRETO PUNTATA 8 MAGGIO 2015 CANALE 5 ORE 16:15

Donna Francisca e Jacinta minacciano la centralinista la quale confida loro che Aurora farà una chiamata il giorno dopo. Nel frattempo vengono raccolti i soldi per i Buendia mente Gonzalo non riesce a stare tranquillo.

THE VAMPIRE DIARIES ITALIA 1 ORE 16:00

Peccato originale: un sogno premonitore che riguarda Stefan mette in allarme Elena, Damon e Katherine. Nel frattempo Silas è ancora sulle tracce di Katherine.

 

Next Post

Berlusconi conferma: Italia rischio deriva autoritaria

Silvio Berlusconi parla guardando al futuro e soprattutto ai giovani, confermando, tra l’altro, che almeno per il momento non c’è l’intenzione di farsi da parte, come alcuni mormoravano. Intanto partono le riunioni per la prossima campagna elettorale da Genova per passare poi all’Umbria, la Puglia e il giorno 16 maggio, […]
Berlusconi conferma Italia rischio deriva autoritaria