Le bucce di mele per combattere l’invecchiamento muscolare

Una mela al giorno toglie il medico di torno: un vecchio detto sempre in auge, ed arriva un ennesima ricerca a confermarne la sua validità scientifica, ed anzi a valorizzarne persino gli scarti.

Uno studio condotto da un team di ricercatori americani dell’Università dell’Iowa e pubblicato sul Journal of Biological Chemistry arriva a dimosstrare che bucce di pomodori e di mele, quelle parte che meno amiamo e che spesso scartiamo, farebbero bene alla nostra salute perché in grado di contrastare l’invecchiamento dei muscoli.

I risultati dello studio suggeriscono che l’acido ursolico e la tomatidina potrebbero essere utilizzati per contrastare la perdita di massa e di forza muscolare negli anziani riducendo l’attività della proteina ATF4, un fattore di trascrizione che altera l’espressione di alcuni geni a livello del muscolo scheletrico, causando in questo modo appunto una ridotta sintesi proteica, e di conseguenza una riduzione della massa e della forza muscolare.

Compito dei ricercatori è stato allora quello di individuare due composti naturali in grado di ridurre l’attività di ATF4: l’acido ursolico, che si trova nella buccia della mela, e la tomatina, un alcaloide che invece si trova nei pomodori verdi.

Next Post

Barcellona, in 500mila in marcia per la Catalogna libera

In 500mila, ossia mezzo milione di persone, ossia una folla immensa, in marcia a Barcellona per la Catalogna libera. Anzi, più che per la libertà della Catalogna, per la sua indipendenza, a circa due settimane dalle elezioni regionali. C’è stata una vera e propria invasione della Meridiana, la famosa strada […]
Barcellona, in 500mila in marcia per la Catalogna libera