Metà uomo metà uccello, trovate le prove non solo in Egitto

Redazione

Le reliquie di un essere metà uomo e metà uccello sarebbero state ritrovate in Egitto ed in Perù.

Una reliquia antica scoperta in due paesi diversi è la prova che gli alieni hanno visitato la Terra migliaia di anni fa.

Questa è l’affermazione alla quale giungono i teorici di “antichi astronauti“, che seguono la convinzione che la conoscenza umana sia stata loro trasmessa dagli extraterrestri nel corso della storia.

In una clip dell’ultimo episodio della serie BLAZE Ancient Aliens, i teorici hanno discusso la scoperta del 2012 di una tomba di 1.300 anni a El Castillo de Huarmey, in Perù.

Le ricerche hanno smascherato il luogo di riposo finale indisturbato di 63 individui mummificati, tra cui tre regine di Huarmey.

Una serie di orecchini trovati su una delle regine mummificate presentava un essere alato.

Le figure di metà uccello e metà esseri umani sono figure comuni nell’arte sudamericana antica.

David Childress, autore di Technology of the Gods, osserva come una figura simile può essere vista nelle sculture in pietra boliviana di Tiwanaku.

Ma non sono solo in Bolivia e nel Perù sono apparse le figure mezzo uccello e mezzo uomo.

Il dio egizio Bath è raffigurato come mezzo uccello e mezzo uomo ed è stato lui a dare la conoscenza della mummificazione“, aggiunge David Wilcock.

La cosa interessante è che ci sono altre culture in tutto il mondo che hanno anche loro una figura per metà uccello e per metà umano e che vengono trattati come dei”.

Questo suggerisce che nell’antichità ci sia stata una certa cultura globale di visitatori extraterrestri che stavano insegnando la mummificazione come tecnologia.

Wilcock poi chiosa: “Alcuni congetturano che il fatto che queste immagini siano state trovate sulle mummie di Wari, suggerisce che questa fosse una scienza portata sulla Terra per acquisire esseri ultraterreni“.

Next Post

Negramaro, Lele stupisce salendo sul palco

Lui stesso, qualche giorno fa, aveva dato l’annuncio: nonostante il peggio è ormai alle spalle, la riabilitazione per riprendersi dall’emorragia celebrale che lo ha colpito richiede ancora tempo, e quindi questo tour non lo avrebbe affrontato da protagonista, sul palco assieme alla sua band. Ma Lele Spedicato ha voluto fare […]