Salvini, i leghisti abbandoneranno l’Anci

Matteo Salvini, leader della Lega Nord, sembra entrato in un circolo vizioso in cui non la smette di smentire se stessi: dopo una escalation razzista nei confronti dei profughi, si è improvvisamente detto disposto ad ospitarne qualcuno a casa sua, ed ora parte all’attacco l’Anci.

Lui che ha sempre parlato di coalizione tra sindaci, per fronteggiare le “orde” di clandestini che invadono il nostro paese, ora proclama che i sindaci leghisti dovranno abbandonare l’Anci, l’associazione dei Comuni italiani.

«L’Anci è un costo inutile per tutti i sindaci, anziché iscriversi a una associazione che non serve a un fico secco è meglio aiutare una famiglia in difficoltà».

Ma guai a parlare di una pura “rivendicazione elettoralistica” , le elezioni non c’entrerebbero nulla. C’è un problema di risorse e soprattutto un problema di rappresentanza.

“I sindaci ormai non hanno più poteri, a cominciare in dall’immigrazione”, dice a ItaliaOggi. “Il governo e i prefetti mettono ogni giorno i primi cittadini davanti al fatto compiuto. Oggi accogliete 100 migranti, domani 500, e così via. Quando andremo al governo, e presto ci andremo, chiuderemo tutte le prefetture. Altro che la razionalizzazione che vuole fare Renzi! E i poteri in materia di ordine pubblico andranno tutti ai sindaci”.

One thought on “Salvini, i leghisti abbandoneranno l’Anci

  1. smettetela di dire BALLE!! La Lega Nord NON è contro i PROFUGHI, è contro gli immigrati irregolari, ovvero i CLANDESTINI!!
    per quanto riguarda l’Anci, che è un ente inutile, fanno bene a lasciarlo, sono soldi sprecati!

Comments are closed.

Next Post

L'economia dell'onestà secondo Papa Francesco

Papa Francesco parla dell’economia dell’onestà in un intervento a braccio pronunciato stamattina presso la sala Nervi ai dirigenti e ai dipendenti della Banca di Credito Cooperativo di Roma. Ma Bergoglio ha anche parlato di un tema a lui sempre molto caro, quello del lavoro. Il Papa ha invitato caldamente tutte […]
L'economia dell'onestà secondo Papa Francesco