Torino, mamma cerca di avvelenare il figlio di un anno
A Pesaro arrestata una nonna stalker

Si continua a sottovalutare la depressione, a considerarla neppure una vera malattia, a sminuirla come se bastasse darsi una scrollata per tirarsi su, e poi si ci trova davanti ad episodi come questo, in cui la tragedia si è evitata solo per un soffio.

La terribile vicenda si è consumata nel pomeriggio di ieri in un appartamento al primo piano di uno stabile di via Amati a Venaria Reale, a Torino, dove sono intervenuti i sanitari del 118, i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia cittadina e i vigili del fuoco: una donna ha cercato nientemeno di avvelenare il proprio bambino, di soli 15 mesi.

Secondo le prime informazioni, la donna ha cercato di avvelenare il figlio sciogliendo qualcosa nel biberon e poi ha cercato di togliersi la vita tagliandosi le vene, quando probabilmente si è resa conto di quanto aveva cercato di fare.

A salvare madre e bambino il marito della donna che è rientrato a casa e ha chiamato il 118.

Le condizioni del piccolo bambino, trasportato all’Ospedale Regina Margherita, sembravano inizialmente molto gravi, ma ora sarebbe sveglio e fuori pericolo di vita.

Loading...
Potrebbero interessarti

Vaccini, una mamma che ha perso la figlia scrive a Matteo Salvini

Nelle ultime settimane abbiamo avuto modo di parlare più volte di vaccini,…

Bologna, parte il progetto per la Ciclovia del Sole

Città Metropolitana di Bologna si occuperà del progetto per la Ciclovia del…