Umberto Bossi condannato per vilipendio a Napolitano

Il comizio alla festa della Lega di Albino (Bergamo) il 29 dicembre del 2011 è un evento che Umberto Bossi difficilmente potrà mai dimenticare: l’ex leader della Lega è stato condannato a 18 mesi di reclusione per vilipendio al Capo dello Stato, per le dichiarazioni rilasciate in quella sede.

Bossi, che non è certo famoso per la sua diplomazia, aveva esclamato dal palco: «Ma Monti lo sa che molti allevatori si sono impiccati? Questi coglionazzi del governo lo sanno?», e rivolto all’ex capo di Stato aveva esclamato «Mandiamo un saluto al presidente della Repubblica», aveva rincarato, esibendo il gesto delle corna.

Bossi è stato condannato anche al pagamento delle spese processuali, mentre la Corte ha respinto la richiesta del pm di aggravante con fini di discriminazione etnica. Non sono state prese in considerazioni neanche le eccezioni di costituzionalità sollevate dalla difesa.

E ricordiamo che non è neppure la sua prima disavventura del genere: nel giugno del 2001 l’ex senatore venne condannato alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione e al pagamento delle spese processuali dal tribunale di Como, per vilipendio alla bandiera.

Loading...
Potrebbero interessarti

Si ferisce per scrivere una lettera d’amore con il sangue

Siena. Nel pieno della scorsa notte, 27 febbraio, una chiamata al 113…

Renzi sull’Expo, l’Italia è un Paese forte

Matteo Renzi interviene sull’Expo di Milano, dicendo che “l’Italia è un Paese…