Woody Allen, azione legale milionaria contro Amazon

Uno scontro tra titani, tra giganti a cui non manca certo potere e soprattutto denaro per dar vita ad una battaglia legale di quelle destinate a concludersi con risarcimenti milionari.

Da un lato c’è Woody Allen, celeberrimo regista che mal digerisce i rifiuti, figuriamoci quello di commercializzare una sua pellicola, e dall’altro c’è Amazon Studios, che appunto si è rifiutata di immettere sul mercato l’ultima sua fatica cinematografica.

A quanto pare il regista accusa gli Amazon studios di aver rotto il contratto stipulato nell’agosto 2017 per la realizzazione e la distribuzione di quattro film. In oltre due anni solo un primo film è stato realizzato, ma mai distribuito in seguito alla ripresa delle polemiche sulle presunte molestie subite dalla figlia adottiva di Allen e Mia Farrow, Dylan, nel 1992.

«Amazon ha cercato scuse per la sua azione facendo riferimento alle accuse senza senso vecchie di 25 anni contro Allen. Accuse note ad Amazon e al pubblico prima dell’intesa» con il regista, si leggono in alcuni documenti depositati in tribunale.

Allen ha così intentato causa chiedendo 68 milioni di dollari di risarcimento per la mancata distribuzione del suo film ‘A Rainy Day in New York’.

Dal canto suo Amazon al momento non ha ancora risposto ma certamente la replica non tarderà ancora molto ad arrivare.

Loading...
Potrebbero interessarti

Ilaria D’Amico, si mormora già di una nuova gravidanza

Neo mamma solamente da qualche mese, si sta godendo le vacanze estive…

Nicole Kidman si è fatta togliere le protesi dal seno

Tra una manciata di giorni arriverà in Italia con tutti gli onori,…