Camera e Senato si costituiscono parte civile nel processo contro Bossi

Per chi non ne fosse al corrente, l’ex segretario della Lega Nord Umberto Bossi e l’ex tesoriere del Carroccio Francesco Belsito, sono imputati per truffa aggravata sui rimborsi elettorali: sarebbero stati firmati rendiconti irregolari poi presentati in Parlamento al fine di ottenere rimborsi elettorali e truffando lo Stato per 40 milioni di euro. Somma che si riferisce a indebiti rimborsi elettorali che sarebbero stati ottenuti per il 2008 e il 2009.

Notizia di queste ore è invece che la Camera dei deputati si costituisce parte civile nello stesso processo: la presidente della Camera Laura Boldrini ha difatti accolto l’orientamento in tal senso espresso dall’ufficio di presidenza di Montecitorio.

Alla riunione erano assenti sia i due rappresentanti di Forza Italia, il questore Gregorio Fontana e il vicepresidente Simone Baldelli, sia quello della Lega, Davide Caparini.

Analoga decisione era stata assunta già dal Senato: il gup di Genova aveva infatti  riconosciuto a Senato e Camera la facoltà di costituirsi come parte civile in quanto parti offese entro l’udienza del 23 settembre prossimo.

Loading...
Potrebbero interessarti

Renzi attacca minoranza PD

Matteo Renzi sintetizza il conflitto in campo nel Pd facendo una distinzione…

Renzi: “urgente una riforma del sistema bancario italiano”

Il premier Matteo Renzi, parlando all’Accademia dei Lincei, ha dichiarato che “La…