Controllo glicemia e diabete con i germogli di broccoli

Eleonora Gitto

Meglio una cura naturale rispetto ad una legata a prodotti farmaceutici? Sicuramente si e sarebbe lo stesso paziente ad essere spinto maggiormente trattandosi appunto di prodotti e cure totalmente naturali, in questo caso si parla di diabete e di semplici broccoli, germogli di broccoli per la precisione che potrebbero tenere sotto controllo una patologia come il diabete? Stando agli ultimi studi sembra essere una strada percorribile e soprattutto, come detto, un rimedio del tutto naturale.

Perciò, di là dei rimedi della nonna o di quelli ancora più antichi che si tramandano, non sempre con successo, da qualche tempo immemorabile c’è una tendenza positiva a cercare di risolvere il problema malattia nella maniera più naturale.

Ove questo sia possibile, ovviamente, e quando ciò non si scontri con evidenze scientifiche che portano in tutt’altra direzione.

Ma i rimedi naturali esistono eccome. Anche indipendentemente da medicine alternative, come l’omeopatia, le proprietà curative di talune erbe e piante sono ormai scientificamente provate, tanto che di negozi e rivendite di prodotti naturali curativi, ne esistono ormai moltissimi.

Se all’inizio poteva essere considerata una moda, ora non lo è più. E’ un modo per curarsi, e qualche volta per guarire.

Dipende dalla malattia, ovviamente. Ma poco o nulla sapevamo finora delle proprietà terapeutiche dei broccoli; anzi, per la precisione, dei germogli dei broccoli.

I quali ultimi potrebbero dare un aiuto non indifferente a quanti sono affetti da diabete di tipo 2.

Sarebbe il sulforato, ingrediente di cui sono ricchi i broccoli, a inibire parzialmente la produzione di glucosio, contribuendo a tenere sotto controllo la diffusa malattia.

A dire tutto ciò è una ricerca pubblicata su Science Transnational Medicine.

Per giungere a questi risultati, gli scienziati hanno analizzato ben 3800 composti usati nei medicinali per diabetici. Fra questi, il sulforato si è dimostrato essere fra i più efficaci.

A questo punto, i ricercatori hanno cominciato la vera e propria sperimentazione, che ha coinvolto quasi cento pazienti.

Ad alcuni è stato somministrato il sulforato, ad altri un semplice placebo.

Il sulforato ha soppresso la produzione di glucosio dalle cellule epatiche, e ha inoltre abbassato i livelli di emoglobina glicata.

Il sulforato è stato estratto dai germogli dei broccoli. Nella ricerca si legge che questo elemento ha sostanzialmente gli stessi effetti della metformina, un farmaco che viene usato contro il diabete, che può avere degli effetti collaterali importanti sul fegato, tanto che il 15% dei pazienti non può assumerla a causa di ciò.

Ma la metformina ha anche altri effetti collaterali, come nausea, diarrea, gonfiori su circa il 30% dei pazienti.

Allora ben vengano i germogli di broccoli: sono naturali, curano il diabete e non hanno effetti collaterali.

Next Post

Colera, epidemia in Yemen: duecentomila casi sospetti.

Epidemia di colera in Yemen: si contano circa duecentomila casi sospetti Pensavamo che certe malattie fossero state debellate completamente o quasi. E invece ci sono, eccome. Vanno di pari passo con la povertà, con l’indigenza, con la scarsezza dei mezzi e soprattutto delle cure. Purtroppo sono malattie da terzo mondo, […]
Colera, epidemia in Yemen: duecentomila casi sospetti.