Egiziano ucciso a Roma, fermato il cugino

Una violenza efferatissima quella che si è consumata a Roma, dove un uomo egiziano di 47 anni Hashem El Sajed Gaafar Abou El Amd, è stato trovato morto all’interno di un sacco, con le mani e i piedi legati in via Pietro Cartoni a Monteverde nuovo.

Inizialmente erano state bloccati due uomini sul litorale, poi il magistrato ha convalidato il fermo di una sola persona: è il cugino della vittima, anche lui egiziano, ha 30 anni ed è gravemente indiziato di essere il responsabile dell’omicidio.

Il fermato aveva preso in affitto un negozio da maggio e doveva pagare al proprietario, un italiano, due mensilità. L’uomo, l’ultima persona a vedere in vita la vittima lo scorso 1 luglio, avrebbe saldato le mensilità il giorno seguente.

Il movente quindi sarebbe stato il più becero di tutti: il fermato avrebbe ucciso suo cugino per impossessarsi di 5000 euro, che forse il parente avrebbe rifiutato di prestargli. Si sospetta inoltre che l’omicidio sia avvenuto alcuni giorni fa e che il giovane abbia occultato il corpo all’interno del negozio che gestiva.

Loading...
Potrebbero interessarti

Scuola, sindacati bocciano emendamenti e minacciano blocco scrutini

Nel vertice convocato dopo lo sciopero generale della scorsa settimana, durato circa…

Renzi minaccia le opposizioni sulla riforma della scuola

Le dichiarazioni di Matteo Renzi sembrano quasi un ultimatum lanciato ai suoi…