I teschi allungati sono al cento per cento alieni

Redazione

I ricercatori online credono fermamente che questi antichi teschi peruviani a forma di cono siano la prova che gli alieni hanno visitato la Terra.

I teschi allungati sono al cento per cento alieni
foto@Flickr

In un post virale su Facebook, che poi è stato eliminato, condiviso all’inizio di questo mese, un ricercatore ha condiviso un video del teschio, scrivendo: “Controlla le orbite degli occhi è al 100% alieno“.

Secondo un rapporto di USA Today, il post aveva più di 500 condivisioni e collegato a un video su YouTube che conteneva filmati di teschi trovati nelle montagne di Huancavelica in Perù.

La persona che ha pubblicato il video su Facebook ha detto a USA Today “il video è stato realizzato da un ragazzo del posto e sembra reale al 100%“.

I teschi furono originariamente trovati negli anni ’20 dall’archeologo peruviano Julio C. Tello.

La loro forma insolita ha portato a tutti i tipi di teorie, inclusa un’affermazione (da allora smentita) secondo cui il DNA dei teschi indicava che erano “un essere umano completamente nuovo“, come ha riferito il portale Snopes .

Gli esperti ritengono che i teschi siano stati effettivamente formati usando fasciature.

Parlando a USA Today, la professoressa Melissa S Murphy, specialista in antropologia peruviana, ha dichiarato: “Le orbite sono normali e perfettamente comprese nel range di variazione umana e sembrano orbite di altri teschi umani del Perù“.

Ha aggiunto: “I popoli preispanici sulla costa meridionale del Perù e altrove in Perù si sono impegnati in questa pratica per migliaia di anni. Il modellamento deliberato della testa è una forma di modificazione culturale del corpo che segna cose diverse, come la propria identità, un rito di passaggio, un’occupazione“.

Un rapporto del 2018 su Science News ha suggerito che i teschi allungati erano visti come uno status symbol nell’antico Perù e sono stati trovati tra i membri dell’élite.

I membri di una comunità chiamata Collagua hanno intenzionalmente alterato i loro teschi per cercare di creare una forma più alta e più sottile.

Il bioarcheologo Matthew Velasco della Cornell University ha osservato in uno studio del 2018 : “In tempi di crisi e sconvolgimenti sociali, la creazione di nuovi tipi di identità collettiva può rafforzare o minare il reinserimento politico. Potrebbe aver promosso la coesione tra le élite locali e facilitato la cooperazione a livelli più alti di inclusività per coordinare gli scambi agropastorali, gestire l’irrigazione o mobilitarsi contro le forze esterne, incluso (ma non limitato a) lo stato Inka invadente“.

Next Post

Sposa fa firmare un contratto alle damigelle

Dal 17 maggio in Inghilterra è stato dato il via libera ai matrimoni con un massimo di 30 ospiti, dopo lo spiraglio di riapertura a seguito delle vaccinazioni. Ma una futura sposa ha deciso che avrebbe trascorso una giornata più rilassante e piacevole se avesse saputo che le sue damigelle […]
Sposa fa firmare un contratto alle damigelle