Napoli, appalti truccati e cibo avariato nelle mense scolastiche

Ormai raccontare di appalti truccati e di frodi e tangenti per ottenerli non fa neppure più notizia, talmente è diffuso questo malaffare, ma la cosa diventa, se possibile, ancora più grave, quando si truffa ai danni di bambini, mettendo a rischio addirittura la loro salute.

Un’operazione dei carabinieri coordinata dalla Procura per la notifica di un’ordinanza di custodia cautelare a undici persone, fra le quali imprenditori e amministratori pubblici, è scattata all’alba di ieri nel Napoletano: gli indagati sono tutti accusati di una presunta associazione per delinquere, che in maniera irregolare, facendo ricorso alla corruzione, alle frodi, e con la promessa di posti di lavoro, ha ottenuto appalti per la fornitura di pasti in scuole delle province di Napoli, Avellino e Salerno.

Le mense coinvolte nell’inchiesta sono quelle delle scuole materne ed elementari di Casalnuovo e Sant’Agnello (Napoli), Montoro Inferiore e Solofra (Avellino), Maiori e Padula (Salerno).

Nell’ambito della stessa indagine è emerso come i soggetti coinvolti intendevano etichettare confezioni di pomodori provenienti dalla Cina con un falso marchio made in Italy per farle falsamente risultare come prodotte nel nostro Paese. Le indagini hanno evidenziato come il cibo servito ai bimbi nelle mense  al centro dell’inchiesta fosse di pessima qualità, molto spesso scongelato e ricongelato.

Potrebbero interessarti

Expo arriva la condanna del presidente Mattarella

Dopo gli scontri dei black bloc per il No-Expo, il Ministro dell’Interno…

Civitavecchia, pensionato perde risparmi per salva banche e si suicida

Un pensionato di settantotto anni di Civitavecchia si è tolto la vita…