Cannabis Light, per la Cassazione non si può vendere nei negozi

Redazione

Da diversi mesi ormai il problema della cannabis light e di tutti i prodotti che con questa vengono commercializzati è diventato cruciale, soprattutto per il gran proliferare di negozi da nord a sud dello stivale.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, si sta battendo personalmente affinchè questi negozi vengano chiusi, ed un “aiuto” concreto alla sua causa arriva nientemeno che dalla Cassazione.

La Cassazione ha infatti decretato che commercializzare i prodotti derivati dalla cannabis light è un reato. La decisione, che travolge un settore in piena espansione, è stata presa dalle sezioni unite penali presiedute dal presidente aggiunto Domenico Carcano.

Chiudere immediatamente tutti i negozi, quindi?

Non proprio: secondo Federcanapa “la soluzione della Cassazione non determina la chiusura generalizzata dei negozi che offrono prodotti a base di canapa”.

In una nota si spiega che “il testo della soluzione dice dichiaramene che la cessione, vendita e in genere la commercializzazione al pubblico di questi prodotti è reato salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante”.

“Da anni – sostiene la nota di Federcanapa – la soglia di efficacia drogante del principio attivo Thc è stata fissata nello 0,5% come da consolidata letteratura scientifica e dalla tossicologia forense. Pertanto non può considerarsi reato vendere prodotti derivati delle coltivazioni di canapa industriale con livelli di Thc sotto quei limiti”.

“Una risposta chiara e netta contro il supermarket della droga, quella arrivata dalla Cassazione in merito alla commercializzazione della cannabis. Siamo lieti di questa decisione mirante a tutelare i nostri figli dall’accesso alla cannabis.

La cannabis è una droga che va combattuta senza se e senza ma. Chiediamo al governo l’immediata chiusura dei cannabis shop ed un divieto rigoroso verso tutti i prodotti contenenti cannabis”, ha invece dichiarato Antonio Affinita direttore generale del MOIGE Movimento Italiano Genitori.

Next Post

George Clooney, come andare a pranzo con lui

George Clooney e la sua consorte Amal da anni si sono distinti per le loro azioni concrete nell’ambito della beneficenza e della difesa dei diritti umani, senza lesinare mai di intervenire in prima persona e di metterci la faccia. Ma non solo: per beneficenza i due coniugi hanno messo a […]
George Clooney come andare a pranzo con lui