Renzi: osannato a Rimini, contestato a L’Aquila
Renzi osannato a Rimini, contestato a L’Aquila

Rientro dalle vacanze impegnativo per Matteo Renzi che è stato osannato a Rimini al Meeting di Comunione e Liberazione, e contestato duramente a L’Aquila e Pesaro.

Renzi dopo aver fatto visita al Meeting annuale di Comunione e Liberazione dove è stato accolto benevolmente, a parte la contestazione di un ciellino, si è recato a L’Aquila.

Qui le cose sono andate diversamente. La prima volta nel capoluogo abruzzese, messo in ginocchio dal sisma del 6 aprile 2009, di Matteo Renzi in veste di Presidente del Consiglio non è stata una bella esperienza.

Il Premier è stato accolto al grido di “Fuori dell’Abruzzo”. I comitati locali “3 e 32” e “Ombrina mare” hanno sfoggiato striscioni contro Renzi urlando “L’Aquila libera”.

E proprio fuori la sede del Comune, Palazzo Fibbione, dove era atteso Renzi, i manifestanti hanno forzato i posti di blocco e sono stati attaccati dalla polizia.

Visto i disordini, la prima tappa di Renzi al nuovo Municipio di L’Aquila è stata cancellata.

Il Premier è stato dirottato verso l’Istituto di Fisica Nucleare al Gran Sasso. Ma anche qui alcuni manifestanti hanno iniziato a lanciare uova contro la polizia che, a sua volta, ha caricato disperdendoli.

Renzi osannato a Rimini, contestato a L’AquilaIl leader degli studenti aquilani, William Giordano ha spiegato il perché di tanta rabbia: “veniamo chiamati a fare da spettatori all’ennesima passerella istituzionale sul suolo aquilano. Alle promesse mai mantenute sui tempi della ricostruzione e alla futile ricerca di consensi e medianicità da qualche tempo opponiamo percorsi di partecipazione attiva e reale in grado di orientare il processo della ricostruzione sulla base del soddisfacimento dei bisogni della popolazione studentesca aquilana”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bufera sulla Cisl, maxi stipendi da 300 mila euro

Mentre i lavoratori italiani stentano ad arrivare a fine mese e si…

Berlusconi: al mio segnale, scatenate l’inferno

Rivoluzione, Silvio Berlusconi chiama a raccolta tutti i suoi seguaci, contro quella…