Migranti, ennesima tragedia del mare con tre bambini annegati

Ennesima tragedia del mare, ennesima tragedia provocata dalla guerra, dalla fame, dalla speranza ultima di poter salvare se e la propria famiglia: speranza naufragata insieme a un altro barcone, nel mare Egeo, poco lontano dalle coste della Grecia, che per milioni di migranti rappresenta ancora la terra promessa dove approdare.

Un barcone si è capovolto al largo dell’isola di Kalymnos nell’Egeo, causando la morte di quattro persone, tre bambini e una donna: lo riportano alcuni media internazionali citando fonti della Guardia Costiera greca.

Altre sedici persone sono state tratte in salvo, giusto in tempo prima che il mare freddo di questo freddo autunno le risucchiasse per sempre.

Nelle stesse ore, altre migliaia di migranti sono stati respinti in Ungheria: l’Ungheria infatti ha appena deciso di chiudere il suo confine con la Croazia, per impedire proprio ai profughi di attraversarlo.

Poco dopo la mezzanotte di venerdì la polizia ungherese ha tirato un recinto di filo spinato su un passaggio sul confine con la Croazia, dove sono passati circa 140.000 migranti da metà settembre. La Croazia ha sottolineato di voler reindirizzare i migranti verso la Slovenia che, a sua volta, ha però sospeso il traffico ferroviario regolare con la Croazia in previsione del flusso.

Loading...
Potrebbero interessarti

Esodo di Mosè, arriva la conferma della datazione al radiocarbonio

Per l’esodo biblico, raccontato nelle antiche scritture, ci sarebbe la prova della…

Una persona su cinque trova il cavallo nella foto

Un test davvero particolare al quale sono stati sottoposte tante persone in…